www.MOTOLTREPO.com
Iscriviti gratis al FORUM (con nickname e password)
e potrai:
comunicare con messaggi personali (PM), vedere la lista Utenti, dire la tua su eventi, attività (motociclistiche e non)
partecipare ai sondaggi, pubblicare la foto della tua moto,
vedere quali sono i post non ancora letti
(ps: non invieremo spam al tuo indirizzo e-mail)

www.MOTOLTREPO.com

AMORE PER LA MOTO E LE DOLCI COLLINE DELL'OLTREPO -(con spazio anche a: SPINO FIORITO, Associazione Culturale)
 
IndiceIndice  RegistratiRegistrati  Accedi  
PARTNER
PNEUS PAVIA

---------------------------------


VOLO DI RONDINE
(Oltrepo e Mali)

--------------------------------

------------------------------

Ultimi argomenti
________________
per i Programmi TV
di stasera
CLICCA QUI

Licenza
__________________
Cerca
 
 

Risultati secondo:
 
Rechercher Ricerca avanzata

Condividere | 
 

 Le origini della leggenda Triumph

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
mcgripp
mega postatore
mega postatore
avatar

Maschile
Numero di messaggi : 6977
Età : 63
Località : Edimburgo
Occupazione/Hobby : Biker
Umore : Buono buonissimo
Data d'iscrizione : 31.07.08

MessaggioTitolo: Le origini della leggenda Triumph   Mer 1 Giu - 14:04

Negli anni Novanta un nome glorioso, quello della Triumph, è tornato alla ribalta per affermarsi rapidamente con realizzazioni moderne, dalle ottime caratteristiche e dalla indubbia personalità

In seguito questa Casa ha proposto dei modelli tecnicamente evoluti, ma sviluppati in un'ottica "classicheggiante", con raffreddamento ad aria, senza particolari pretese a livello di prestazioni e con una estetica ispirata fortemente a quella delle mitiche bicilindriche degli anni d'oro della classica scuola inglese. Le moto non sono solo facili e divertenti da guidare ma anche di una bellezza straordinaria, i cui nomi sono rimasti leggendari, a cominciare da quello della mitica Bonneville.

COME SONO
I nuovi modelli sono simili a quelli di una volta solo a livello estetico. L'attuale motore bicilindrico è frutto di una progettazione completamente nuova e di una filosofia totalmente diversa. Ha quattro valvole per cilindro, distribuzione bialbero con comando a catena, albero a gomiti che lavora interamente su bronzine, con le manovelle disposte a 270°, tre supporti di banco e un albero ausiliario di equilibratura. Il cambio è in blocco, la trasmissione primaria a ingranaggi e la lubrificazione a carter umido. Le misure di alesaggio e corsa (90 x 68 mm) sono fortemente superquadre.

COM'ERANO
Vale la pena di ricordare, a titolo di confronto, le caratteristiche principali delle bicilindriche Triumph degli anni Sessanta, moto che costituivano il sogno di molti tra gli appassionati più sportivi, ma che purtroppo per diverso tempo sono state alla portata di pochi. Il motore aveva i cilindri in ghisa, la distribuzione ad aste e bilancieri, con due alberi a camme nel basamento, e la lubrificazione a carter secco, con due pompe a pistoncino. Le valvole erano due per cilindro, fortemente inclinate tra loro. Le bielle erano forgiate in lega di alluminio e l'albero a gomiti (con le manovelle a 360°) poggiava su due soli supporti di banco, muniti di cuscinetti a rotolamento. La trasmissione primaria era a catena e il cambio in "semiblocco" (era cioè alloggiato nella parte posteriore del basamento, ma in un vano separato e dotato di un proprio olio) aveva quattro marce, con la più alta in presa diretta. Il telaio era a culla singola continua, che si sdoppiava sotto il motore. La cilindrata di 650 cm3 era ottenuta abbinando a un alesaggio di 71 mm una corsa di 82 mm. Si trattava quindi di un motore a corsa decisamente lunga, come usava allora.

UN PO' DI STORIA
Le classiche bicilindriche Triumph hanno mostrato la strada agli altri costruttori inglesi, che si sono affrettati a realizzare anch'essi dei modelli di tipo analogo, dopo la loro apparizione. La storia è iniziata nel 1937 con la 5T di 500 cm3, progettata da Edward Turner; questa moto è stata seguita poco dopo dalla T 100 di eguale cilindrata ma dalle caratteristiche più sportive. In entrambi i casi il cambio era separato.
Dopo la seconda guerra mondiale la produzione è continuata con modelli gradualmente evoluti e migliorati. I motori con cilindrata portata a 650 sono apparsi nel 1953. Poco dopo sono arrivate anche le teste in lega di alluminio (al posto di quelle in ghisa). La mitica T 120 Bonneville, dalle prestazioni assolutamente superlative per la sua epoca (venivano dichiarati 46 cavalli a 6500 giri/min), ha fatto la sua comparsa nel 1958. Nel 1962 la gamma ha subito una rivisitazione radicale, che ha visto tra l'altro il passaggio al cambio in semiblocco. I nuovi modelli sono entrati in produzione l'anno successivo. I miglioramenti sono continuati fino al 1970, che molti ritengono giustamente sia stato l'ultimo delle classiche Triumph bicilindriche. Le successive, brutte e dotate di una nuova ciclistica (con mozzi conici e serbatoio dell'olio ricavato nel telaio) appartengono davvero a un'altra "razza"; sono state un fiasco dal punto di vista commerciale hanno contribuito al rapido declino finale della Casa inglese.

Quella mostrata nella foto è una Bonneville del 1963, primo anno di produzione degli "unit twins", con cambio in semiblocco.

Massimo Clarke

01/06/2011
da Moto.It






E questa è la T 100 per festeggiare il 50° anniversario della Bonnie

Tornare in alto Andare in basso
Sciatica®

avatar

Maschile
Numero di messaggi : 113
Data d'iscrizione : 20.10.08

MessaggioTitolo: Re: Le origini della leggenda Triumph   Mer 1 Giu - 17:03

Non è che Massimo Clarke frequenta questo Foro? O è per caso parente stretto di qualche forumista oltrepadano?
Spero di no, perché starei per dire che il suo pezzo sulla Bonnie mi pare decisamente mediocre!
Che noiosissima sequela di cliscé già letti e sentiti miliardi di altre volte!
Mi prostato davanti alla scienza motociclistica del luminare, ma il suo articolo lo trovo banale, scontato e di una noia letale!

Inoltre mi scappa di dire che la Bonnie T120 del 1971 (olio nel telaio e mozzi conici) non era affatto male, e in più mi dichiaro offeso per l’omessa citazione della T140 di 750 cc.!
Quanto alla Bonnie odierna, gran bella moto, ma per i miei gusti comincia a essere un po’ troppo diffusa.
Oggi come oggi mi sa che preferirei la W800, che mi pare ancora più Bonnie della Bonnie!


Tornare in alto Andare in basso
Norton
Admin
Admin
avatar

Maschile
Numero di messaggi : 11916
Età : 117
Località : Castelletto
Occupazione/Hobby : Bandit 1250,Alp 200
Data d'iscrizione : 31.07.08

MessaggioTitolo: Re: Le origini della leggenda Triumph   Mer 1 Giu - 17:11

Sciatica® ha scritto:
Non è che Massimo Clarke frequenta questo Foro? O è per caso parente stretto di qualche forumista oltrepadano?
Spero di no, perché starei per dire che il suo pezzo sulla Bonnie mi pare decisamente mediocre!
Che noiosissima sequela di cliscé già letti e sentiti miliardi di altre volte!
Mi prostato davanti alla scienza motociclistica del luminare, ma il suo articolo lo trovo banale, scontato e di una noia letale!

Inoltre mi scappa di dire che la Bonnie T120 del 1971 (olio nel telaio e mozzi conici) non era affatto male, e in più mi dichiaro offeso per l’omessa citazione della T140 di 750 cc.!
Quanto alla Bonnie odierna, gran bella moto, ma per i miei gusti comincia a essere un po’ troppo diffusa.
Oggi come oggi mi sa che preferirei la W800, che mi pare ancora più Bonnie della Bonnie!

eh, è difficile non quotare Sciatica.....
quando uscì il Kawa W 650 si vide subito che era più
classico dei nuovi Bonneville....

_________________
"chi scruta tutte le nuvole non parte mai " (proverbio) ------------
Tornare in alto Andare in basso
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: Le origini della leggenda Triumph   

Tornare in alto Andare in basso
 
Le origini della leggenda Triumph
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
www.MOTOLTREPO.com :: MOTO E OLTREPO PAVESE :: CHIACCHIERE, NOTIZIE... e FOTO IN LIBERTA'-
Andare verso: