www.MOTOLTREPO.com
Iscriviti gratis al FORUM (con nickname e password)
e potrai:
comunicare con messaggi personali (PM), vedere la lista Utenti, dire la tua su eventi, attività (motociclistiche e non)
partecipare ai sondaggi, pubblicare la foto della tua moto,
vedere quali sono i post non ancora letti
(ps: non invieremo spam al tuo indirizzo e-mail)

www.MOTOLTREPO.com

AMORE PER LA MOTO E LE DOLCI COLLINE DELL'OLTREPO -(con spazio anche a: SPINO FIORITO, Associazione Culturale)
 
IndiceIndice  RegistratiRegistrati  Accedi  
PARTNER
PNEUS PAVIA

---------------------------------


VOLO DI RONDINE
(Oltrepo e Mali)

--------------------------------

------------------------------

Ultimi argomenti
________________
per i Programmi TV
di stasera
CLICCA QUI

Licenza
__________________
Cerca
 
 

Risultati secondo:
 
Rechercher Ricerca avanzata

Condividere | 
 

 appunti sul marocco

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
sergioenrico

avatar

Numero di messaggi : 254
Data d'iscrizione : 18.12.12

MessaggioTitolo: appunti sul marocco   Lun 17 Giu - 12:08

Ho ritrovato questi appunti di viaggio.


Marrakech “poco” express

Come sempre la sveglia è di buon’ora. Alle sei siamo già in moto.  Questa volta la destinazione è il Marocco.

E’ un giro un po’ scontato, quasi ordinario se non si trattasse di fare più di 7000 chilometri in moto. L’itinerario che abbiamo pensato, prevede una lunga tirata fino ad Algeciras, da lì il traghetto per Ceuta, l’enclave Spagnola in Africa, poi il classico tour delle città imperiali, costeggiando, prima l’oceano, poi il deserto. Il ritorno ancora attraverso la Spagna e la Francia.

 

Pavia Narbonne Km. 700

 Il percorso prevalentemente autostradale, fino a Narbonne ma di buon interesse paesaggistico specialmente per l’attraversamento della Camargue. A Narbonne, per nulla stanchi visitiamo la vicina Fontefroide, una abbazia Circestense che è stata modello per i monasteri del sud dalla Francia e per le vicine abbazie Catalane.

Narbonne Alicante Km. 750

Percorso interamente autostradale prevalentemente in vista del Mediterraneo. Arriviamo ad Alicante piuttosto stanchi ma abbiamo il tempo e la voglia di incontrare Sergio Ramon del gruppo spagnolo di maxitraileros.com. Sergio, che nel frattempo ha sostituito la sua CN con una Varadero (il servizio ricambi Aprilia ha colpito ancora) verrà in Italia con altri del gruppo, ed il 15 settembre, avrò il piacere di incontrarli.

Alicante Antequera km. 450

Dopo Alicante finisce l’autostrada. L’Andalusia, una terra che sa già un po’ d’Africa, poi Antequera, uno dei Paesi bianchi appollaiati su speroni rocciosi. Abbiamo la sensazione che il viaggio incominci da qui.

Antequera Chefchaouen km 300

Ancora Andalusia, poi la costa del golf, in un susseguirsi di lussuosi alberghi e di golf club fino a Gibilterra. Poi, finalmente, l’Africa.

Attraversiamo il Rif fino a Chefchaouen, meta di tutti gli “alternativi” d’Europa. A Chefchaouen si può trovare più “fumo” di quanto si possa immaginare. Graziosa la medina, facile da girare da soli, con le case dipinte di bianco e azzurro.



Chefchaouen Meknes km. 200

Ancora attraverso i monti del Rif, poi la piana del Saafrane che annuncia le steppe predesertiche con i rari wadi che interrompono la grande pianura. Poi Meknes, la più giovane delle città imperiali. Isolata dalla città nuova, la medina, nella quale ti puoi perdere tra i mille vicoli che ospitano botteghe e mestieri dei quali hai perso la memoria, per poi ritrovarti nella grande piazza “Lalla Auda”.

Meknes El Jadida km. 350

Rabat, Casablanca, l’Oceano. Le grandi onde nebulizzano l’acqua fino a dieci metri di altezza, è uno spettacolo memorabile.

El Jadida Essaouira km. 300

Costeggiamo per un lungo tratto l’oceano. Le coste sono alte e rocciose, le grandi onde che si frangono rumorosamente su scogli di roccia rossa. Siamo rapiti dallo spettacolo messo in atto dalla natura. Dall’altro lato della strada, la vegetazione, già rara, lascia spazio alla steppa tipica della fascia predesertica. Arriviamo a Essaouira, l’antica Mogador portoghese, la città del vento. Di antico ha conservato gli splendidi bastioni, di moderno ha gli amanti del wind-surf che affollano la lunga spiaggia.



El Jadida Marrakech km. 200

La grande pianura predesertica ci accompagna fino alla mitica Marrakech, la città rossa che fonde l’elemento arabo con la cultura dei berberi provenienti dal deserto. Poi la Jemaa el Fnaa, la grande piazza che vive 24 ore su 24. Ti perdi nella medina, o lungo i 20 chilometri delle sue  mura ma alla fine tutto ti riporta alla Jemaa el Fnaa ed alla varia umanità che la popola: maghi, cantastorie, saltimbanchi musicisti, incantatori di serpenti, bancarelle di cibi e venditori di arance, tutti con qualcosa da offrirti, tutti alla ricerca di qualche dihram,  per passare la giornata, per arrivare a domani.







Marrakech Ouarzazate km. 200

Attraverso il Tizin’ Ticka, a 2260, superiamo la catena dell’Atlante. La poca vegetazione, ricomparsa nelle vallate ad altezze intermedie, lascia spazio ad aride montagne.

A Ouarzazate si incrociano le oasi fluviali formate dal Dades e dal Draa. Nella stretta fascia il verde di un rigoglioso palmeto, fuori, il giallo e l’ocra del deserto.

Incontriamo quattro motociclisti: uno con l’immancabile GS, uno con un TA uno con la CN splendidamente equipaggiata con delle tassellate e udite, udite una MOTO’






Ouarzazate Tinherhir km. 150

Un solo palmeto lungo 150 chilometri, la via delle casbha, gli spettacolari villaggi fortificati costruiti con fango e paglia,  le case addossate le une alle altre che lasciano spazio a rari cortili per le attività della comunità: tribù o famiglia e per i più ricchi, un riad, la casa individuale.

Ci inoltriamo per una ventina di chilometri nelle profonde gole formate dal fiume Togdra, poi un improvviso temporale ci inzuppa ben bene, e ci fa tornare in albergo.





Tinherhir Erfoud km. 200

Finito il palmeto è solo deserto, inquietante, misterioso, magnifico. Da tanto, troppo tempo non lo incontravamo e quasi ci eravamo scordati della sua irresistibile forza di attrazione.

Lingue di sabbia portate dal vento occupano la già malmessa strada. La CN mette a dura prova la fiducia in noi stessi, con abbondanti scodate.

Proviamo a cercare la pista per Merzouga e le grandi dune ma c’è troppa sabbia sulle piste e troppe tacce che si perdono nell’hammada. Non sfidiamo la fortuna e affittiamo un rassicurante 4x4 che ci porta a vedere il tramonto sull’erg, con le dune di sabbia rossa che si vedono già da grande distanza.




Erfoud Midelt km.250

Risaliamo i monti del medio atlante in un paesaggio da Far West con grandi mesas che emergono da una vasta pianura. Lungo la strada la “source bleu”, “il tunnel del legioner”, ci ricordano che questi erano i luoghi della legione.  Attraverso il vasto altopiano che divide l’anti Atlante dal medio Atlante arriviamo nella polverosa Midelt.

Midelt Fes km.200

Affrontiamo l’alto atlante e il solitario Col du Zad a 2170 metri. Poi la foresta di cedri e più in basso, Ifrane. Pulita, con le case a tetti spioventi e i prati all’inglese, sembra una cittadina svizzera portata in Marocco per soddisfare i ricchi del paese.

In pochi chilometri si scende nella vasta pianura per arrivare a Fes, la più antica delle città imperiali.

Fes è divisa in tre parti che si possono chiaramente distinguere dall’alto delle due fortezze poste a difesa: la ville nouvelle, e la città vecchia, racchiusa nelle mura medioevali, suddivisa in Fes el Bali, dell’VII secolo e Fes el Jedid del XIII secolo.

Entrare nella medina di Fes è come essere sbattuti direttamente nel medio evo, colori, odori, rumori, tutto ci è estraneo. Negli stetti vicoli, persone e animali si accavallano, si rubano lo spazio, si scambiano gli odori. Poi, ti ritrovi, quasi per magia, nella calma di un lussuoso riad o di una sontuosa mederesa con il rilassante zampillio di una fontana, circondati dal legno di cedro, dagli stucchi, dalle maioliche eleganti. Questa è Fes, misera e sontuosa, frenetica e sonnolenta, mai banale. 







Fes Chefchaouen km.200

Torniamo a Chefchaouen attraversando di nuovo prima la piana del Saafrane, poi il Rif con i venditori di fichi d’india che si alternano ai venditori di “cioccolata” Rivediamo con piacere al piccola e animata medina. I negozi espongono però una anonima paccottiglia se confrontata con gli oggetti ammirati a Fes, 



Chefchaouen Ronda km. 300

Il Rif,  ultimo rilievo d’Africa prima dello stretto, la caotica frontiera di Ceuta, il Traghetto per l’Europa, la percezione del viaggio che sta per finire. Poi, di nuovo l’Andalusia, ci riporta nel clima di vacanza. Affascinante la strada tortuosa che attraverso valli solitarie e paesi bianchi ci porta a Ronda. La città Araba e quella Andalusa divise dalla profonda gola da un lato la medina, con i vicoli che sembrano contorcersi su se stessi, dall’altro la città Andalusa, con le strade a formare un ordinato reticolo e a segnare il contrasto tra due modi di essere; l’ardito ponte, a congiungere le due.



Ronda Alicante km. 550

Le immagini dell’Andalusia, le ultime fotografie di una terra sospesa tra Africa e Europa. Il paesaggio che cambia sotto le ruote della CN. Ad Alicante, il Mediterraneo, famigliare e rassicurante, ci porta già l’aria di casa.

Alicante Bezieres km. 800

Lungo e noioso trasferimento autostradale, abbiamo il tempo per ricordare quello che abbiamo visto e rimpiangere quello che potevamo vedere.

Bezieres Pavia km. 700

L’aria di casa, il traffico della costa azzurra, una foto a Montecarlo, la Liguria, un piatto di spaghetti alle vongole. Apprezziamo  il piacere delle cose consuete che ritroviamo dopo un viaggio.

Ci rimangono i ricordi dell’Oceano, potente e infinito il fascino del deserto misterioso e inquietante, le città imperiali con le loro miserie e le loro grandezze; ci rimane soprattutto la strada dove si svolge la vita quotidiana, dove si aspetta, ci si incontra, si discute, si vende. In Marocco tutto sembra svolgersi sulla strada sia essa di città o della medina, della montagna o del deserto. La strada, quindi più di ogni altra cosa, ci piace ricordare di questo viaggio.

ciao,

Sergio e Eugenia

 

 

 

 


Ultima modifica di sergioenrico il Mar 18 Giu - 9:26, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
grayspida
mega postatore
mega postatore
avatar

Maschile
Numero di messaggi : 5641
Età : 126
Occupazione/Hobby : Maestro muratore/Cerco di conquistare il mondo
Data d'iscrizione : 21.02.10

MessaggioTitolo: Re: appunti sul marocco   Lun 17 Giu - 14:24

i miei più sinceri complimenti ! Very Happy   Bellissimo ! dacordi


p.s. Una MOTO' già è difficile vederne in Italia , te l'hai beccata proprio li ... Smile
Tornare in alto Andare in basso
lucaseven
mega postatore
mega postatore
avatar

Maschile
Numero di messaggi : 2853
Località : Pavia ma siculo sono
Occupazione/Hobby : tutto quello che è commestibile
Umore : scorpione.....
Data d'iscrizione : 26.12.11

MessaggioTitolo: Re: appunti sul marocco   Lun 17 Giu - 15:25

sei un mito.. dacordi
Tornare in alto Andare in basso
Yul Bimescola
mega postatore
mega postatore
avatar

Maschile
Numero di messaggi : 2073
Età : 53
Località : A planet somewhat similar to Earth
Occupazione/Hobby : Agente Quasi Segreto
Umore : Motopatico
Data d'iscrizione : 28.12.12

MessaggioTitolo: Re: appunti sul marocco   Lun 17 Giu - 16:28

....immagino la goduria con cui ti sarai gustato gli spaghi alle vongole ....grande..grandissimo cheers
Tornare in alto Andare in basso
Norton
Admin
Admin
avatar

Maschile
Numero di messaggi : 11862
Età : 117
Località : Castelletto
Occupazione/Hobby : Bandit 1250,Alp 200
Data d'iscrizione : 31.07.08

MessaggioTitolo: Re: appunti sul marocco   Mar 18 Giu - 16:26

siete grandi, e coraggiosi
complimenti
Smile
Tornare in alto Andare in basso
sergioenrico

avatar

Numero di messaggi : 254
Data d'iscrizione : 18.12.12

MessaggioTitolo: Re: appunti sul marocco   Mar 18 Giu - 17:28

contento che vi sia piaciuto,
Gran merito va al Marocco, che nella mia personalissima classifica dei viaggi fatti è al 2°_3° posto.



le dune rosse di Merzuga



Merzuga



un garage di lusso



Fes



Ronda. Il ponte tra la città araba e quella andalusa
Tornare in alto Andare in basso
grayspida
mega postatore
mega postatore
avatar

Maschile
Numero di messaggi : 5641
Età : 126
Occupazione/Hobby : Maestro muratore/Cerco di conquistare il mondo
Data d'iscrizione : 21.02.10

MessaggioTitolo: Re: appunti sul marocco   Mar 18 Giu - 22:19

bello, bello ...quanto vorrei poter andarci anche io ! Very Happy
Tornare in alto Andare in basso
Norton
Admin
Admin
avatar

Maschile
Numero di messaggi : 11862
Età : 117
Località : Castelletto
Occupazione/Hobby : Bandit 1250,Alp 200
Data d'iscrizione : 31.07.08

MessaggioTitolo: Re: appunti sul marocco   Mar 18 Giu - 23:20

sergioenrico ha scritto:
contento che vi sia piaciuto,
Gran merito va al Marocco, che nella mia personalissima classifica dei viaggi fatti è al 2°_3° posto.

bèh, Sergioenrico, adesso CI DEVI DIRE
la classifica!!!!

Very Happy
Tornare in alto Andare in basso
grayspida
mega postatore
mega postatore
avatar

Maschile
Numero di messaggi : 5641
Età : 126
Occupazione/Hobby : Maestro muratore/Cerco di conquistare il mondo
Data d'iscrizione : 21.02.10

MessaggioTitolo: Re: appunti sul marocco   Mar 18 Giu - 23:52

Norton ha scritto:
sergioenrico ha scritto:
contento che vi sia piaciuto,
Gran merito va al Marocco, che nella mia personalissima classifica dei viaggi fatti è al 2°_3° posto.

bèh, Sergioenrico, adesso CI DEVI DIRE
la classifica!!!!

Very Happy

quoto ! Very Happy
Tornare in alto Andare in basso
sergioenrico

avatar

Numero di messaggi : 254
Data d'iscrizione : 18.12.12

MessaggioTitolo: Re: appunti sul marocco   Mer 19 Giu - 20:20

Non vorrei sembrarvi borioso, ma stabilire una classifica dei viaggi fatti in tutti questi anni non ci è facile, provo tuttavia a metterli in ordine anche con l’aiuto di eugenia..

Su tutti metto sicuramente il viaggio della vita fatto nel 2000 con l’AT che avete già letto e che è  stato a suo tempo pubblicato sulla rivista Mototurismo.

Personalmente al secondo posto metto il viaggio in  Marocco che avete letto qui. In Marocco siamo stati in moto due volte.

Al terzo posto, metterei il viaggio a Nordkapp, che vi ho già raccontato. Aspetto di farvi vedere il filmetto

Nella mia classifica dei viaggi interessanti, al quarto posto viene quello fatto nel 2001 nel Kurdistan Turco, alle pendici dell’Ararat. Per una ragione o per l’altra in Turchia ci siamo andati cinque volte, questo però è stato quello che ci ha permesso di capirne i contrasti e di comprendere ciò che sta accadendo in questi giorni

A chiudere la Top cinque, metterei il viaggio in Portogallo attraverso Francia e Spagna fino a capo da roca sulle tracce dei Templari

Di seguito ricordo il primo approccio con le dune della Tunisia, visitata nel 92;

il classico camino di Santiago, fino a Fisterra ed il ritorno percorrendo il camino del nord, sull’atlantico; 

L’est Europa, attraverso Slovenia, Croazia, Ungheria, Romania, Bulgaria, Turchia e Grecia, anche questo pubblicato su Mototurismo;

Più recente il primo viaggio a nord della svizzera nelle Repubbliche Baltiche;

Nel 2011, per la prima volta, ho guidato dalla parte sbagliata, in Inghilterra, Galles, Irlanda, Irlanda del Nord e Scozia.

Fuori classifica considero la ex Jugoslavia, ci siamo stati una quantità di volte e non ci stanca proprio mai. In Grecia, ci siamo passati tre volte ma ci manca gran parte del Peloponneso e soprattutto le isole.

L’Italia infine. Siamo stati in tutte le Regioni,  qualcuna vista in modo superficiale altre in modo più approfondito. Sarò anche di parte ma è proprio Il paese più bello. 
Tornare in alto Andare in basso
grayspida
mega postatore
mega postatore
avatar

Maschile
Numero di messaggi : 5641
Età : 126
Occupazione/Hobby : Maestro muratore/Cerco di conquistare il mondo
Data d'iscrizione : 21.02.10

MessaggioTitolo: Re: appunti sul marocco   Mer 19 Giu - 21:32

Grande ! Very Happy  dacordi
Tornare in alto Andare in basso
Norton
Admin
Admin
avatar

Maschile
Numero di messaggi : 11862
Età : 117
Località : Castelletto
Occupazione/Hobby : Bandit 1250,Alp 200
Data d'iscrizione : 31.07.08

MessaggioTitolo: Re: appunti sul marocco   Mer 19 Giu - 21:38

massimo rispetto!

Cool

_________________
"chi scruta tutte le nuvole non parte mai " (proverbio) ------------


Ultima modifica di Norton il Ven 21 Giu - 14:50, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
Norton
Admin
Admin
avatar

Maschile
Numero di messaggi : 11862
Età : 117
Località : Castelletto
Occupazione/Hobby : Bandit 1250,Alp 200
Data d'iscrizione : 31.07.08

MessaggioTitolo: Re: appunti sul marocco   Mer 19 Giu - 21:45

(n.d.m: a complemento di quanto scritto da Sergioenrico,
per chi non avesse letto il report del giro in testa alla classifica, il "viaggio della vita", fatto con AT [= africa twin]
era: Medio Oriente: Turchia, Siria, Giordania)
Tornare in alto Andare in basso
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: appunti sul marocco   

Tornare in alto Andare in basso
 
appunti sul marocco
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
www.MOTOLTREPO.com :: MOTO E OLTREPO PAVESE :: GIRI FATTI: Report di viaggi e Racconti-
Andare verso: