www.MOTOLTREPO.com
Iscriviti gratis al FORUM (con nickname e password)
e potrai:
comunicare con messaggi personali (PM), vedere la lista Utenti, dire la tua su eventi, attività (motociclistiche e non)
partecipare ai sondaggi, pubblicare la foto della tua moto,
vedere quali sono i post non ancora letti
(ps: non invieremo spam al tuo indirizzo e-mail)

www.MOTOLTREPO.com

AMORE PER LA MOTO E LE DOLCI COLLINE DELL'OLTREPO -(con spazio anche a: SPINO FIORITO, Associazione Culturale)
 
IndiceIndice  RegistratiRegistrati  Accedi  
PARTNER
PNEUS PAVIA

---------------------------------


VOLO DI RONDINE
(Oltrepo e Mali)

--------------------------------

------------------------------

Ultimi argomenti
________________
per i Programmi TV
di stasera
CLICCA QUI

Licenza
__________________
Cerca
 
 

Risultati secondo:
 
Rechercher Ricerca avanzata

Condividere | 
 

 Regno Unito seconda

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
sergioenrico

avatar

Numero di messaggi : 243
Data d'iscrizione : 18.12.12

MessaggioTitolo: Regno Unito seconda   Ven 14 Nov - 17:15

seconda parte......

Rosselare Kilkenny km 91

Dura poche ore  la traversata, alle sei bussano già alla porta della cabina. Ci rivestiamo in fretta e, ancora un poco storditi dalla notte in bianco, mettiamo le ruote in terra d’Irlanda.
Dopo lo sbarco, forse sorpresi, quasi frastornati dall’assenza di traffico, abbiamo dell’Irlanda una impressione bellissima.
Nel breve itinerario che separa il porto di Rosselare  da Kilkenny attraversiamo un paesaggio bucolico, fatto di prati verdi, nei quali pascolano bei cavalli e greggi di pecore ed un cielo insolitamente azzurro, solo a tratti macchiato dalle onnipresenti nuvole.
Arriviamo all’hotel di kilkenny con largo anticipo sull’apertura del chek-in dell’hotel prenotato, ma  grazie al buon cuore del titolare alle 10 siamo già pronti per fare i turisti e ad utilizzare nuovamente l’euro.



Iniziamo la visita della cittadina di origine medioevale partendo dalla cattedrale di San Caninzio, distante pochi metri da dove abbiamo regolarmente parcheggiato la Caponord con ben in vista l’attestato di pagamento.

Superata una scalinata,attraversiamo il piccolo cimitero che circonda la piccola costruzione in pietra grigia, tutt’altro che elegante, affiancata da una strana torre tonda, tipica struttura difensiva dell’Irlanda medioevale, che ricorda vagamente una ciminiera.  

L’interno della chiesa, costruita tra il 1202 e il 1285 nel primo stile gotico irlandese, è sorprendentemente ampio, ed è caratterizzato dalla copertura a carena rovesciata che ricorda la chiglia di una nave normanna.

Nel piccolo museo interno alla chiesa, un interessante plastico, ci riporta alla stagione d’oro di Kilkenny, quando la città  era un importante crocevia di traffici.



Superato il ponte sul fiume Nore, a ridosso di un’ansa si ergono ancora minacciose ed imponenti le mura del castello, le cui origini risalgono alla fine del dodicesimo secolo.

La grande costruzione che per oltre cinque secoli fu la dimora dei Conti Butler,  occupa l’intera collina che domina la città, simbolo sopravvissuto di una potenza che in tempi andati controllava l’intera contea.

L’incerto miscuglio di stili architettonici, riflette le diverse epoche di costruzione del castello,  che vanno dal medioevo al 600 fino al più recente neogotico.

All'esterno del castello, davanti all'entrata, c'è un giardino ornamentale e una vasta e verdissima tenuta nelle zone posteriori.



Adiacenti al castello le antiche scuderie che oggi ospitano delle botteghe che vendono, a carissimo prezzo, prodotti dell’artigianato  irlandese.

Kilkenny Kenmare km 230

La nostra seconda giornata irlandese comincia con una eccellente colazione, forse l’unico pasto della giornata che da queste parti si consuma degnamente.

Caricata la moto, ripartiamo attraversando la verde campagna irlandese sotto un cielo capriccioso, che alterna degli improvvisi scrosci di pioggia a degli squarci di azzurro.

Entriamo nella contea di Tipperary dove si susseguono le rovine di torri, castelli  e abbazie, fino a quando,  dopo alcune miglia, in lontananza si profila imponente la rocca di Cashel, che si innalza per poche decine di metri  dall’ampia zona pianeggiante

Superata Chashel ci inoltriamo nella contea di Cork, percorrendo strade che si distendono nelle valli formate da ondulate colline, chiamate qui pomposamente le Boggheragh Mauntains ma che raggiungono a malapena  gli ottocento metri

Mucche al pascolo, prati verdissimi e il cielo d’Irlanda, pazzo come in un giorno di marzo in Italia,  ci accompagnano verso il parco di Killarney, un pezzetto di terra selvaggia intorno a due splendidi laghetti glaciali circondati da colline modellate dal tempo.



Visti dai 200 metri del passo i laghi sono solo delle macchie azzurre che nel verde sembrano poco più grandi di stagni, ma che regalano l’effetto di una natura intatta, nella quale la gli uomini sono rispettosamente entrati in punta di piedi.



Arriviamo a Kenmare, una cittadina con case basse e colorate tipiche dei luoghi di mare di ogni paese che fiancheggiano una vivace main street. Giriamo un poco per il paese ed alla fine scegliamo l’invitante bed & breakfast che avevamo adocchiato appena arrivati.

Dedichiamo il pomeriggio a kenmare, ai suoi negozietti ai suoi pub e alla birra irlandese.



Kenmare Limerik km 270

Prima di ripartire. per il Ring of kerry, ci concediamo il tempo per una colazione in stile tipicamente british condita da  discrezione e cortesia, seguita da un pagamento “casch&blak”, questa volta tipicamente mediterraneo.

Nel suo primo tratto, la strada del Ring, che permette di percorrere l’intera penisola Iveragh,  si insinua in una suggestiva foresta, solcata dal Kenmare River, che nel suo breve percorso raccoglie le abbondanti piogge e le scarica nell’oceano

Gli ambienti da attraversare, splendidi ed incontaminati, sono parecchio vari e vanno dal litorale costellato da piccole insenature e isolette, alla zona interna selvaggia e montuosa.



Il tempo peggiora decisamente. La costa è spazzata da venti gelidi e impetuosi che increspano l’oceano e che insieme alla pioggia, che si fa a volte violenta, rendono la guida impegnativa. Non ci resta che raccogliere le energie e cercare dentro di noi le motivazione per andare avanti, nonostante tutto.



Ad incoraggiarci a proseguire sono le splendide immagini che ci regalano le  piccole baie di sabbia bianca protette dalle rocce tormentate dalle violente onde dell’Atlantico settentrionale



Proseguendo verso nord, il litorale si distende e le  coste rocciose lasciano spazio a prati verdissimi che, confondendosi nella nebbia, sembrano spegnersi nell’oceano.

Superata Tralee, in pieno fermento per una gara ippica,  ci spostiamo verso l’interno in direzione nord est fino a quando, quasi a sorpresa, incontriamo l’abbazia di Abbeyfale.  La piccola chiesa sorge al centro di un prato, nel quale pascolano tranquille una decina di mucche protette da un grosso toro .
Sia la chiesa che il bel chiostro medioevale, nonostante l’assenza di custodi,  sono ben curati e assolutamente privi di quelle scritte che sempre deturpano i nostri monumenti.

Il giro del Ring con le varie soste per le foto, ci porta via gran parte della giornata e nel pomeriggio arriviamo a Limerick, una grossa città fondata alla foce del fiume Shannon, risalente a prima dell’anno mille.

Un viaggiatore del 1500 ci lascia questo ricordo della città:

Limerick è la più forte e bella tra le altre città irlandesi, ben murata con spesse mura di marmo...non c'è accesso se non dai ponti di pietra,uno dei quali ha 14 archi e gli altri 18 ... la maggior parte delle case è costruita in blocchi quadrati di marmo nero a forma di torre o fortezza.

Lasciata la moto nel moderno hotel, proviamo a cercare un posto per mangiare nei dintorni dell’hotel, ma dobbiamo accontentarci di un fast food che offre del mediocre cibo di strada.



Perseguitati da pioggia e vento proviamo a fare quattro passi nel centro della città, che  include le antiche strade sulla sponda meridionale del fiume. Gli anni sono trascorsi ma la  città è rimasta grigia e triste proprio come ci racconta il cronista, e se si eccettua l’arcigno castello messo a sorvegliare la foce dello Shannon, Limerik ha ben poco da offrire.

La sera ceniamo nell’affollatissimo e pretenzioso ristorante annesso all’albergo dove l’unica cosa accettabile è la birra.

Eugenia+Sergio continua.....






(se volete)


Ultima modifica di sergioenrico il Sab 15 Nov - 9:29, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
Ens
mega postatore
mega postatore
avatar

Maschile
Numero di messaggi : 2404
Età : 59
Località : Viginon
Occupazione/Hobby : Di tutto un pò
Umore : Dipende dall'interlocutore
Data d'iscrizione : 21.03.14

MessaggioTitolo: Re: Regno Unito seconda   Ven 14 Nov - 19:43

bravura continua!
Tornare in alto Andare in basso
Norton
Admin
Admin
avatar

Maschile
Numero di messaggi : 11727
Età : 117
Località : Castelletto
Occupazione/Hobby : Bandit 1250,Alp 200
Data d'iscrizione : 31.07.08

MessaggioTitolo: Re: Regno Unito seconda   Sab 15 Nov - 15:24

complimenti! immagino il lavoro di preparazione ad un report come questo...
roba da professionisti

study Cool

_________________
"chi scruta tutte le nuvole non parte mai " (proverbio) ------------
Tornare in alto Andare in basso
Yamaha800

avatar

Maschile
Numero di messaggi : 284
Località : mortara
Umore : stabile
Data d'iscrizione : 27.03.13

MessaggioTitolo: Re: Regno Unito seconda   Sab 15 Nov - 15:26

bravura
dacordi
Tornare in alto Andare in basso
sergioenrico

avatar

Numero di messaggi : 243
Data d'iscrizione : 18.12.12

MessaggioTitolo: Re: Regno Unito seconda   Mar 18 Nov - 11:12

Norton ha scritto:
complimenti! immagino il lavoro di preparazione ad un report come questo...
roba da professionisti

study  Cool

in genere l'impegno è nella preparazione del viaggio.
Una buona guida, buone letture e la voglia di raccontare fanno il resto.

comunque i professionisti sono un'altra cosa
Tornare in alto Andare in basso
mcgripp
mega postatore
mega postatore
avatar

Maschile
Numero di messaggi : 6899
Età : 63
Località : Edimburgo
Occupazione/Hobby : Biker
Umore : Buono buonissimo
Data d'iscrizione : 31.07.08

MessaggioTitolo: Re: Regno Unito seconda   Mar 18 Nov - 14:40

Bravo, Sergio! dacordi
Tornare in alto Andare in basso
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: Regno Unito seconda   

Tornare in alto Andare in basso
 
Regno Unito seconda
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
www.MOTOLTREPO.com :: MOTO E OLTREPO PAVESE :: GIRI FATTI: Report di viaggi e Racconti-
Andare verso: