www.MOTOLTREPO.com
Iscriviti gratis al FORUM (con nickname e password)
e potrai:
comunicare con messaggi personali (PM), vedere la lista Utenti, dire la tua su eventi, attività (motociclistiche e non)
partecipare ai sondaggi, pubblicare la foto della tua moto,
vedere quali sono i post non ancora letti
(ps: non invieremo spam al tuo indirizzo e-mail)

www.MOTOLTREPO.com

AMORE PER LA MOTO E LE DOLCI COLLINE DELL'OLTREPO -(con spazio anche a: SPINO FIORITO, Associazione Culturale)
 
IndiceIndice  RegistratiRegistrati  Accedi  
PARTNER
PNEUS PAVIA

---------------------------------


VOLO DI RONDINE
(Oltrepo e Mali)

--------------------------------

------------------------------

Ultimi argomenti
________________
per i Programmi TV
di stasera
CLICCA QUI

Licenza
__________________
Cerca
 
 

Risultati secondo:
 
Rechercher Ricerca avanzata

Condividere | 
 

 VIVA il fuoristrada (che sia Enduro, Regolarità, Country-Cross...)

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Roby101

avatar

Maschile
Numero di messaggi : 160
Località : Viqueria
Occupazione/Hobby : moto, bici, nuoto, libri, corsa, meccanica, playstation, fai-da-te
Umore : sereno/variabile
Data d'iscrizione : 14.04.09

MessaggioTitolo: VIVA il fuoristrada (che sia Enduro, Regolarità, Country-Cross...)   Ven 7 Mag - 8:38

la fmi scende in campo
Giù le mani dal fuoristrada
La Federazione Motociclistica Italiana scende in campo per bloccare la scellerata decisione di alcune regioni (Piemonte e Liguria) di impedire la pratica del fuoristrada, agonistico e non, sulle strade a fondo naturale

A partire dagli anni ’80, molte Amministrazioni Regionali hanno adottato normative tese a disciplinare o a vietare il transito motorizzato “fuoristrada”, a tutela del proprio territorio.
Tali normative, in genere, non si sono curate di definire con esattezza il concetto di “fuoristrada”, o hanno tentato di farlo in modo non coordinato con le preesistenti disposizioni.
E’ sorto quindi un considerevole contenzioso per le inevitabili incertezze in fase applicativa.


La Federazione Motociclistica Italiana, nel tentativo di trovare una soluzione, ha promosso fin dal 2004 un Disegno di Legge di tutela della circolazione fuoristrada, sulla base di una sentenza della Corte di Cassazione (2479/02).
Il testo del provvedimento è stato poi riproposto nel 2006 (nuova legislatura) e di nuovo ad inizio del 2008 (nuova legislatura) con alcune correzioni, e attualmente è registrato con il numero 1070.

La Corte di Cassazione ha stabilito che di mulattiere e sentieri si occupa il Codice della Strada, non le Regioni
- il Codice della Strada (CdS) all’art. 3 n. 48, definisce i sentieri, le mulattiere e i tratturi come “strade” a fondo naturale;
- conseguentemente le esistenti normative regionali in tema di “fuoristrada” possono disciplinare solo le aree non già costituenti “strade” nel senso ora indicato, e quindi non possono riguardare i sentieri, le mulattiere e i tratturi;
- la disciplina del transito su dette “strade a fondo naturale” (compresa la disciplina dell’imposizione dei divieti di transito) è perciò da ricercarsi solo nel CdS (art. 6). Anche perché le Regioni non hanno competenze proprie in detto ambito (la circolazione stradale) e non potrebbero quindi derogare al CdS con proprie norme.

Nonostante gli sforzi fino ad ora compiuti dalla FMI, il Disegno di Legge FMI / Fuoristrada “giace nei cassetti del Parlamento” da ormai troppi mesi.
La Federazione sta quindi nuovamente rinnovando il tentativo di sensibilizzare i Parlamentari, affinché prendano in esame il testo, a fronte di una situazione di blocco progressivo che allarma moltissimo non tanto e non solo la Federazione Motociclistica Italiana, ma le migliaia di appassionati che non hanno modo di praticare l’attività preferita nel tempo libero, né possono utilizzare la propria moto in una attività sportiva prevista, permessa e regolamentata dalle leggi dello Stato.


Piemonte e Liguria bloccano l'attività sportiva. La FMI non ci sta!
Nel frattempo, in tempi recenti si sono moltiplicate le normative regionali (i casi più eclatanti in Liguria e Piemonte), assolutamente vessatorie per le motociclette, che hanno addirittura portato al BLOCCO, IN PIEMONTE, DELL’ATTIVITA’ SPORTIVA su terreni liberi di una Federazione nazionale aderente al Coni, che proprio attraverso l’attività sportiva ha dato spesso grande lustro ai colori italiani.

Di fronte a questa vera e propria “emergenza fuoristrada”, la FMI ha di recente compiuto alcuni passi importanti:
- accettare la sfida sul campo giudiziario, proponendo alle magistrature superiori nuovi quesiti giuridici emergenti dagli ultimi atti delle Regioni;
- avviare trattative in sede locale con le nuove Giunte regionali (molte delle quali peraltro appena insediate, con la recentissima assegnazione degli incarichi politici ai diversi Assessori), nell’intento di far modificare (o annullare) gli atti emessi dalle Giunte precedenti;
- puntare a modifiche legislative nazionali che facciano cambiare il quadro giuridico di riferimento.

Nel frattempo, la FMI è impegnata in contatti con i Costruttori di motoveicoli, che insieme ai Rivenditori e ai dipendenti delle Officine costituiscono un settore vitale per l’economia nazionale, che fornisce lavoro diretto ad oltre 10.000 persone, con un indotto totale sull’intero territorio che supera i 90.000 addetti.
L’intento è quello di potere arrivare in tempi rapidi ad azioni comuni e condivise, per non vedere vanificata non tanto e non solo la passione, ma soprattutto la vitalità e la sopravvivenza del settore.

Una pratica sportiva svolta secondo regole giuste e allineate alle libertà personali, peraltro garantite dalla Costituzione, non solo rispetta la legalità e promuove lo sviluppo sociale della Nazione, grazie al volano economico garantito dal lavoro dell’intero comparto motociclistico in Italia (con una percentuale importante dedicata all’esportazione), ma rappresenta anche una ulteriore importante generazione di ricchezza, grazie alle attività locali (ad esempio vitto, alloggio, scoperta del territorio) che la pratica delle competizioni, ed il conseguente movimento “turistico” collegato, sono in grado di generare tutto l’anno in ogni fine settimana.

la fonte è Moto.it
http://www.moto.it/sport/giu-mani-dal-fuoristrada.html

Speriamo bene! Very Happy


Ultima modifica di Roby101 il Ven 7 Mag - 10:47, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
Norton
Admin
Admin
avatar

Maschile
Numero di messaggi : 11917
Età : 117
Località : Castelletto
Occupazione/Hobby : Bandit 1250,Alp 200
Data d'iscrizione : 31.07.08

MessaggioTitolo: Re: VIVA il fuoristrada (che sia Enduro, Regolarità, Country-Cross...)   Ven 7 Mag - 10:20

sarebbe bello se si riuscisse ad ottenere almeno qualcosina!

da un lato ci sono gruppi eco-ambientalisti spesso estremisti,
dall'altra lo sport, le industrie motociclistiche e tutto
l'indotto,.... e anche il piacere di raggiungere luoghi naturali
fuori dai soliti percorsi
Tornare in alto Andare in basso
Kattivik
mega postatore
mega postatore


Maschile
Numero di messaggi : 2240
Occupazione/Hobby : Coltivo carote
Umore : incarognito
Data d'iscrizione : 16.03.09

MessaggioTitolo: Re: VIVA il fuoristrada (che sia Enduro, Regolarità, Country-Cross...)   Ven 7 Mag - 10:34

Norton ha scritto:
sarebbe bello se si riuscisse ad ottenere almeno qualcosina!

da un lato ci sono gruppi eco-ambientalisti spesso estremisti,
dall'altra lo sport, le industrie motociclistiche e tutto
l'indotto,.... e anche il piacere di raggiungere luoghi naturali
fuori dai soliti percorsi

Ci vorrebbe un giusto compromesso, che io non so proporre, ma solo pensare. E' chiaro che il fuoristrada è una disciplina molto bella ed emozionante, alla stessa misura non può essere praticata selvaggiamente "arando" campi ed invadendo riserve ecologiche a discapito delle bellezze naturali e faunistiche.

Penso che l'unica strada percorribile sia quella di "fuoristrada" controllato, ovvero aprire percorsi ben precisi, autorizzati e controllati al fine di preservare sport e natura, il tutto a pagamento, magari sotto forma di licenza, per permettere di ripristinare dove si distrugge.
Tornare in alto Andare in basso
Roby101

avatar

Maschile
Numero di messaggi : 160
Località : Viqueria
Occupazione/Hobby : moto, bici, nuoto, libri, corsa, meccanica, playstation, fai-da-te
Umore : sereno/variabile
Data d'iscrizione : 14.04.09

MessaggioTitolo: Re: VIVA il fuoristrada (che sia Enduro, Regolarità, Country-Cross...)   Ven 7 Mag - 10:51

Concordo sul compromesso, i percorsi controllati e tracciati e sul pagamento di una quota!...A questi pro ci devono però essere a mio avviso delle condizioni:
- i tracciati che siano concordati con chi davvero fa Enduro e non chi sta dietro una scrivania ad immaginare com'è!
- che la quota sia sotto forma di Licenza FMI obbligatoria per chi pratica l' enduro, dilettantistico o agonistico che sia; chi viene beccato, tessera obbligatoria e sanzione, non troppo salata però;..versando regolarmente la quota, la FMI avrà un fondo con cui risarcire gli eventuali danni causati dalle moto-pirata nei campi coltivati;
- last but not least che non ci siano fil di ferro tirati e tronchi tagliati "ad hoc" nei percorsi tracciati! Evil or Very Mad
Se fosse così sarebbe molto bello! Very Happy
Tornare in alto Andare in basso
Kattivik
mega postatore
mega postatore


Maschile
Numero di messaggi : 2240
Occupazione/Hobby : Coltivo carote
Umore : incarognito
Data d'iscrizione : 16.03.09

MessaggioTitolo: Re: VIVA il fuoristrada (che sia Enduro, Regolarità, Country-Cross...)   Ven 7 Mag - 10:58

Roby101 ha scritto:
Concordo sul compromesso, i percorsi controllati e tracciati e sul pagamento di una quota!...A questi pro ci devono però essere a mio avviso delle condizioni:
- i tracciati che siano concordati con chi davvero fa Enduro e non chi sta dietro una scrivania ad immaginare com'è!
- che la quota sia sotto forma di Licenza FMI obbligatoria per chi pratica l' enduro, dilettantistico o agonistico che sia; chi viene beccato, tessera obbligatoria e sanzione, non troppo salata però;..versando regolarmente la quota, la FMI avrà un fondo con cui risarcire gli eventuali danni causati dalle moto-pirata nei campi coltivati;
- last but not least che non ci siano fil di ferro tirati e tronchi tagliati "ad hoc" nei percorsi tracciati! Evil or Very Mad
Se fosse così sarebbe molto bello! Very Happy

Certamente ci devono essere requisiti, garanzie e servizi. Sperem, ma ho dei dubbi sulla possibilità di attuare una riforma di questo tipo. Mi piacerebbe tantissimo poter tornare a fare un enduro dilettantistico, non troppo impegnativo e soprattutto senza l'ansia della forestale, dell'agricoltore......

Ma sono attempato Crying or Very sad
Tornare in alto Andare in basso
Ramsey
mega postatore
mega postatore
avatar

Maschile
Numero di messaggi : 3916
Età : 19
Località : Voghera
Occupazione/Hobby : biker
Umore : buono
Data d'iscrizione : 31.07.09

MessaggioTitolo: Re: VIVA il fuoristrada (che sia Enduro, Regolarità, Country-Cross...)   Ven 7 Mag - 16:58

già....i motivi per cui anni fa decisi di vendere la moto da rego per prenderne una da cross.
un argomento da sempre controverso e come spesso accade causato da pochi irresponsabili il cui comportamento si ripercuote su tutti.
Tornare in alto Andare in basso
Norton
Admin
Admin
avatar

Maschile
Numero di messaggi : 11917
Età : 117
Località : Castelletto
Occupazione/Hobby : Bandit 1250,Alp 200
Data d'iscrizione : 31.07.08

MessaggioTitolo: Re: VIVA il fuoristrada (che sia Enduro, Regolarità, Country-Cross...)   Ven 7 Mag - 20:46

Ramsey ha scritto:
... come spesso accade causato da pochi irresponsabili il cui comportamento si ripercuote su tutti.


quoto !
Tornare in alto Andare in basso
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: VIVA il fuoristrada (che sia Enduro, Regolarità, Country-Cross...)   

Tornare in alto Andare in basso
 
VIVA il fuoristrada (che sia Enduro, Regolarità, Country-Cross...)
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
www.MOTOLTREPO.com :: MOTO E OLTREPO PAVESE :: SPORT e FUORISTRADA-
Andare verso: